tel. 348.9052386 | www.coronadiciliegie.com | teatroscuola.coronadiciliegie@gmail.com

©copyright corona di ciliegie 2016   |   associazione con sede legale in via L. Manara 9, Monza (MB) 20900   |   C.F./P.IVA 09673010964

  • seguici su...

Martedì 4 febbraio 2020 h 10.15

al Teatro Villoresi di Monza

con Roberto Anglisani

adattamento e regia Francesco Niccolini
 


consulenza letteraria e storica Jacopo Manna
costumi Mirella Salvischiani

Spettacolo Vincitore de “I Teatri del Sacro 2017”

temi letteratura, religione

linguaggio teatro di narrazione

durata 80 minuti

età consigliata 15-19 anni

biglietti interi € 8

biglietti ridotti € 6,50

Scarica la

PRESENTAZIONE >

«Più di cento anni fa, in Russia, al confine con la Polonia, in un villaggio così piccolo che non è riportato su nessuna mappa, viveva un maestro. Si chiamava Mendel Singer. Era un uomo insignificante. Era devoto al Signore. Insegnava la Bibbia ai bambini, come prima di lui aveva fatto suo padre. Insegnava con molta passione e poco successo. Uno stupido maestro di stupidi bambini: così pensava di lui sua moglie Deborah».
Così inizia questo racconto, che attraversa trent’anni di vita della famiglia di Mendel Singer, di sua moglie Deborah e dei loro quattro figli. Ma attraversa anche la storia del primo Novecento, dalla Russia all’America, dalla guerra russo giapponese alla prima guerra mondiale e oltre. Ma soprattutto attraversa il cuore di Mendel, lo stupido maestro di stupidi bambini, devoto al Signore, e dal Signore – crede lui – abbandonato.


Roberto Anglisani dà voce a tutti pensieri del protagonista, alle paure, alle speranze e alla disperazione, alle preghiere e alle rivolte. Come dice Skowronnek, grande amico di Mendel Singer, «Noi siamo dentro il disegno, e il disegno ci sfugge», per questo Mendel – e tutti gli altri – fanno tanta fatica: la vita è un mistero, la fede un rifugio, e il dolore mette a dura prova anche l’uomo più giusto.
Giobbe, Storia di un uomo semplice – romanzo perfetto di Joseph Roth – diventa così un racconto teatrale tragicomico proprio come la vita, dove si ride e si piange, si prega e si balla, si parte, si arriva e si ritorna, si muore in guerra e si rinasce. Senza spiegazioni, solo con lo sguardo mite e sereno di un narratore misterioso e onnisciente, ricco di compassione e di un lieve sorriso.